Menu Button

L’alternativa pulita

Ogni nuova generazione di aeromobili riduce le emissioni di CO2 fino al 25%. Tuttavia, questo non basta a limitare le emissioni complessive di CO2. Il traffico aereo è in crescita e continua a richiedere carburanti fossili. Il settore dell’aviazione è ancora lontano dal mettere a punto un motore elettrico o a idrogeno per grandi aeromobili. Diverso il caso del «sustainable aviation fuel (SAF)», il carburante sostenibile per l’aviazione: può essere facilmente usato sugli aeromobili e costituisce un’alternativa reale al cherosene fossile. Il saldo netto di CO2 è notevolmente inferiore, consentendo di ridurre in via permanente le emissioni durante le operazioni di volo. Il SAF viene prodotto mescolando del tradizionale cherosene (a base fossile) con idrocarburi rinnovabili.

Nel 2011 il Lufthansa Group ha svolto un ruolo pionieristico in quanto prima compagnia aerea al mondo a testare l’uso di biocarburante sui propri voli per un periodo di circa sei mesi.

SAF in video

Pubblicato: