Menu Button
Nuova classifica Egencia

Nuova classifica Egencia: vincitori e tendenze nel mondo del business travel

Da uno studio recentemente pubblicato da Egencia è emerso che Londra non è più la destinazione più gettonata per i viaggi d’affari, benché sia ancora leader in Europa.

Qual è allora la nuova meta preferita di chi viaggia per lavoro? E quali sono le principali indicazioni emerse da questo rapporto? Continui a leggere per scoprire i nuovi vincitori e le tendenze del business travel.

--------------------------------------------------------------------------------

 

Quale città guida la classifica delle più visitate da chi viaggia per lavoro?

 

Lo studio Egencia si è concentrato sulla domanda globale di voli per viaggi d’affari. Mentre al numero uno nel 2014 c’era Londra, come ricordavamo sopra, per l’edizione 2018 è emersa una nuova leader: ora è New York City la destinazione visitata più di frequente da chi viaggia per lavoro.

 

Votando con le loro prenotazioni, i viaggiatori di tutto il mondo hanno decretato l’ascesa della Grande Mela a nuovo centro nevralgico del business travel globale, con i voli per questa città che superano quelli per Londra di 10 punti percentuali.

 

La capitale del Regno Unito è ancora al vertice tra le destinazioni europee. Nel ranking globale è scesa di un gradino e ora è seguita da Parigi al terzo posto. Rispetto all’ultima rilevazione, la città sulla Senna ha fatto riscontrare un aumento del 20% delle prenotazioni di viaggi d’affari.

 

Ma queste sono le uniche due città europee attualmente presenti nella classifica mondiale delle 20 destinazioni top per chi viaggia per lavoro.

 

Ecco l’elenco completo fornito da Egencia:

  1. New York
  2. Londra
  3. Parigi
  4. Shanghai
  5. Toronto
  6. Singapore
  7. San Francisco
  8. Hong Kong
  9. Tokyo
  10. Chicago
  11. Dubai
  12. Città del Messico
  13. Boston
  14. Montreal
  15. Pechino
  16. Los Angeles
  17. Mumbai
  18. San Paolo
  19. Casablanca
  20. Seul

 

Dopo NYC, Londra e Parigi, sono le città asiatiche ad entrare di prepotenza nella nuova classifica, con Shanghai, Singapore, Hong Kong e Tokyo tra le prime dieci.

 

Dubai è la prima tra le città mediorientali (11a della classifica globale), mentre la vincitrice per il Sud America è risultata San Paolo (18a); Casablanca è la preferita del Nord Africa (19a).

 

Una statistica alquanto sorprendente ha rivelato che, tra le destinazioni nordamericane, a conquistare il quinto posto è stata Toronto, superando città americane tradizionalmente frequentate e consolidate come ad esempio San Francisco, Chicago, Los Angeles e Boston. In rappresentanza del Canada c’è anche Montreal, la seconda città del paese per numero di abitanti, che si è attestata al 14° posto.

Le tendenze nel business travel

 

I nuovi dati forniti da Egencia sono incoraggianti per ciò che riguarda le prenotazioni del segmento business.

 

L’analisi è stata effettuata sui dati forniti da piccole e medie imprese e da multinazionali, dimostrando che la mobilità globale è un trend inarrestabile, per nulla confinato alle grandi aziende.

 

Dall’inizio del 2014 alla fine del 2018, gli acquisti di viaggi di lavoro sono cresciuti complessivamente di circa il 110%, con un picco del 120% per la sola destinazione al vertice della classifica, NYC. Le prenotazioni per Londra sono aumentate dell’80% e per Parigi del 120%, come citato più sopra.

 

La crescita più sensazionale si è registrata sui voli per Singapore, che hanno raggiunto quasi il 160% nei cinque anni analizzati.

 

E quali sono le principali indicazioni per gli stakeholder del mercato dei viaggi d’affari?

 

Il fatto che i cinque continenti siano tutti rappresentati nella classifica delle 20 destinazioni top conferma il trend ormai consolidato della mobilità globale.

 

Benché ci siano differenze tra settori produttivi, è emersa chiaramente l’assenza di limiti geografici alle opportunità di mercato delle aziende che operano nel mondo.

 

A sostenere l’ascesa di questa tendenza e rafforzare la convinzione che il viaggio sia un stimolo fondamentale per la crescita dell’azienda hanno contribuito in particolare i viaggiatori d’affari più giovani.

 

Le aziende che vogliono beneficiare di questo trend dovranno implementare politiche interne e programmi di travel management. Dovranno inoltre individuare partner che li aiutino a ottimizzare i propri risultati massimizzando il ROI del viaggio.

 

Scopra PartnerPlusBenefit, il programma gratuito che consente alle aziende di accumulare punti per ogni volo e ricevere premi e vantaggi esclusivi!

 

Pubblicato: